I muri che assorbono co2: è merito della calce

Per una edilizia verde servono materiali adeguati. E la calce potrebbe essere un'ottima soluzione

WhatsApp Share

La calce si ottiene cuocendo la pietra ed è impiegata fin dall'antichità. Rappresenta comunque una soluzione perfetta anche per un futuro sempre più verde nell'edilizia.

Sapete che una volta applicata sui muri (sia esterni che interni), grazie a una reazione chimica di superficie è in grado di assorbire la Co2  emessa nella fase di cottura dei ciottoli da cui ha avvio il processo di lavorazione?

Come si fa la calce

I ciottoli di fiume vengono cotti lentamente in altoforno per circa una settimana. Durante questa fase, il carbonato di calcio e il carbonato di magnesio si liberano dell’anidride carbonica in essi contenuta e la pietra perde fino a un terzo del suo peso. La calce viva ottenuta viene poi spenta con l’utilizzo di acqua. L’ultima fase per ottenere un buon grassello di calce, dall’aspetto pastoso, è la stagionatura, che avviene in buche a cielo aperto fino a 24 mesi. Il risultato finale è una base per una serie di prodotti caratterizzati nell’applicazione da una tonalità non uniforme, piacevolmente vellutata, simile alle superfici antiche, e allo stesso tempo permeabile al vapore, lucente e estremamente resistente nel tempo. A completare la perfetta sostenibilità del prodotto, la reazione chimica che sottrae CO₂ e vapore acqueo all’ambiente. 

Materiale naturale

'L’uso della calce ricavata dai ciottoli di fiume è un tipo di decorazione usata fin dalla notte dei tempi - spiega Maurizio Crasso responsabile della divisione Sandtex di Harpo, una delle poche aziende che in Italia ha deciso di puntare su questo materiale naturale - Grazie alla passione e alla dedizione di alcuni professionisti, è ancora oggi disponibile nel pieno rispetto della tradizione edilizia e decorativa italiana, basti pensare all'uso che se ne fece sia durante l’Impero romano che nel Rinascimento. Particolarità di questi stucchi e il loro essere completamente privi di agenti chimici'.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy