Il primo hotel di città a impatto zero

A Vienna si è già raggiunto un gran risultato e anche l'Unione Europea sta investendo nel settore

WhatsApp Share

Gli alberghi non sono certo i luoghi a cui associamo il concetto di ecosostenibilità. Al contrario, tendiamo a dimenticarcene quando soggiorniamo in un hotel dove la luce e l'acqua sono compresi nel prezzo e biancheria e asciugamani vengono cambiati a ritmi che mai abbiamo visto a casa nostra.

Esistono tuttavia hotel che hanno un impatto zero, come Boutique Stadthalle a Vienna che è il primo hotel di città al mondo ad energia zero.

È il risultato dell'unione di un edificio del novecento restaurato di recente e di una casa passiva di   nuova fattura che garantisce il controllo della dispersione termica.

La struttura monta pannelli in silicio monocristallino che si estendono per 130 metri quadri. L'acqua della falda è la sorgente termica dell'edificio grazie a una pompa di calore che la utilizza. Non viene dispersa nemmeno l'acqua piovana, riutilizzata per innaffiare. Tutte le 38 camere della casa passiva dispongono solamente di illuminazione LED e lampadine a basso consumo.

A livello europeo c'è un progetto per velocizzare il processo di trasformazione degli hotel verso l'ecosostenibilità e si chiama Nearly Zero Energy Hotel. Sono previsti 14 casi pilota sviluppati in paesi differenti (Croazia, Grecia, Francia, Italia, Romania, Spagna, Svezia) che dimostreranno come sia tecnicamente ed economicamente sostenibile un intervento di riqualificazione verso l’energia zero, nella speranza che anche altri alberghi di piccola e/o media dimensione possano intraprendere il medesimo percorso.

Esiste anche EcoWorldHotel una catena alberghiera, la prima nel mondo, fondata su criteri ecoturistici.

a.po