In 5 regioni le cure sono “sotto la soglia minima”. Lo spiega il Ministro Lorenzin

I conti stanno migliorando, ma la qualità del servizio in queste regioni è sotto la media

WhatsApp Share

La qualità dei servizi e il livello delle cure erogate dal Servizio sanitario è “sotto la soglia minima” in cinque regioni.

Lo spiega il Ministro Lorenzin che, in un'intervista all'ANSA, anticipa i primi dati 2015 sull'attuazione dei Lea e avanza una proposta per il 'superamento' dell'attuale modello del commissariamento.

"I conti in questi anni sono molto migliorati anche se ci sono ancora troppe regioni commissariate o in piano di rientro che riescono a non andare in rosso solo grazie alle coperture, ovvero all'aumento delle aliquote fiscali previste dai piani di rientro o a risorse proprie di bilancio”, ha spiegato il ministro.

Che però sottolinea il punto preoccupante: “se possiamo dire che i piani di rientro e i commissariamenti hanno funzionato sotto il profilo economico, lo stesso non può dirsi per le cure. Attraverso il sistema di monitoraggio dei Lea, il ministero verifica continuamente lo stato di salute della Sanità del Paese e in alcuni casi i progressi non sono stati molti. Anzi, alcune Regioni hanno addirittura peggiorato i risultati. Insomma sul fronte dell'erogazione delle cure, i piani di rientro e i commissariamenti hanno mostrato molte lacune”.

Sotto la media (il minimo è 160 punti) troviamo Calabria (147 punti), Molise (156), Puglia (155), Sicilia (153) e Campania con 99 punti.

Lorenzin indica anche la rotta per invertire questa tendenza: "I commissariamenti come li abbiamo immaginati fino ad oggi hanno fatto il loro tempo. Anche perché se è importante aver rimesso in ordine i conti, a pagarne le conseguenze non possono essere i cittadini che vedono ridotte quantità e qualità delle cure, oltre a dover pagare tasse più alte. Per questo credo che dovremmo agire in maniera più mirata. Possiamo per esempio pensare di ridare alle regioni la capacità decisionale completa, senza alibi. Ma noi come stato centrale dovremmo tempestivamente intervenire commissariando le singole aziende sanitarie a fronte di standard bassi di erogazione dei servizi sanitari ai cittadini. Vuol dire che il direttore generale, amministrativo, sanitario lo decidiamo noi dando un tempo definito per la riorganizzazione della singola azienda ed esercitando poteri sostitutivi completi".