Ecoinvenzioni: la rete hi-tech che cattura l'acqua potabile dalla nebbia

La nuova rete hi-tech del MIT è l'interessante soluzione proposta per catturare acqua potabile dalla nebbia e garantire alle regioni più aride del mondo un accesso più facile alle risorse idriche

WhatsApp Share

 

La rete hi-tech che cattura l'acqua potabile dalla nebbia, è l'interessante soluzione proposta garantire alle regioni più aride del mondo un ulteriore accesso alle risorse idriche. Si tratta, in pratica, di uno speciale sistema di 'reti sospese' progettate appositamente per raccogliere grandi quantitativi di acqua dall’umidità notturna dell’aria, dissetando in questo modo le comunità locali nelle aree a rischio siccità.

La nuova rete hi-tech, progettata da un team di scienziati del 'MIT' (Massachusetts Institute of Technology) in collaborazione con alcuni ricercatori della 'University of Chile' di Santiago, sarebbe in grado di catturare le goccioline di rugiada grazie alle particolari trame e al materiale dei suoi filamenti. Dopo la raccolta in appositi contenitori, l'acqua catturata dalla rete verrebbe poi filtrata attraverso un processo naturale di esposizione del sole, per essere infine potabilizzata.

La nuova rete hi-tech sarebbe inoltre dotata di caratteristiche strutturali tali da consentire una maggiore capacità di raccolta dell'acqua potabile: le sue maglie infatti, costituite da filamenti di acciaio inossidabile, avrebbero ottenuto, grazie ad una serie di calcoli dettagliati e test in laboratorio, un notevole miglioramento strutturale dovuto ad un aumento di spessore dei filamenti (circa tre o quattro volte la grandezza di un capello umano) ed una maggiora spaziatura delle trame.

Questi semplici accorgimenti, secondo gli stessi ricercatori, avrebbero permesso alla rete hi-tech di agevolare enormemente la raccolta di piccole goccioline d'acqua dalla nebbia, portando ad una produzione idrica di ben 12 litri al giorno.

 

La nuova rete hi-tech, attualmente, è soltanto un prototipo testato per studiare il processo di cattura dell'acqua in diverse situazioni atmosferiche. In futuro, l'obiettivo sarà ovviamente quello di realizzare un sistema efficiente di reti sospese nelle zone più aride degli altopiani del Cile e di altri paesi dell’America Latina. Per maggiori informazioni è possibile consultare questo sito.

Matteo Ludovisi

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy