L'avanzamento dell'energia fotovoltaica

Il costo dei pannelli solari ad alta efficienza è diminuito del 37% nel 2017

WhatsApp Share

Nel 2017, a quanto raccontano i dati raccolti dall'EIA (Energy Information Administration) il prezzo dei pannelli solari ad alta efficienza è sceso del 37,5%: una notizia molto interessante se la si guarda gettando una luce sul contesto della tecnologia che riguarda.

Il calo dei prezzi, infatti, è guidato da diversi fattori, tra cui le richieste di una maggiore efficienza, così come gli investimenti statali cinesi nella produzione di pannelli solari con una maggiore efficienza. Il cambiamento è anche il risultato di un mutamento tecnologico in quanto i pannelli solari policristallini hanno ceduto il passo ai monocristallini, che sono almeno il 10% più efficienti e solo il 6% più costosi.
La differenza principale tra i pannelli solari monocristallini e policristallini è nella struttura del silicio, in come esso viene modellato nel pannello: nel primo caso, sono le barre a formare i wafer; mentre nel secondo caso il silicio viene fuso.

Il paradosso è che il processo per creare i pannelli solari monocristallini è stato inventato nel 1918 e quindi i primi pannelli avevano tutti questo design. Solo in seguito a una serie di ricerche fatte durante la crisi petrolifera negli anni '70, un ricercatore della Exxon scoprì la soluzione policristallina, che ai tempi aveva una fabbricazione a costi inferiori. Solo di recente questa produzione ha mostrato i suoi costi nascosti e si è assistito al ritorno dei monocristallini, che hanno mostrato la loro maggiore efficienza e il loro minor prezzo.

Gli analisti prevedono che il 2018 potrebbe essere l'anno in cui i pannelli solari monocristallini faranno il sorpasso, diventando la maggioranza dei pannelli solari prodotti in tutto il mondo.