Due grandi giacimenti di gas in Egitto

Scoperto un maxi giacimento di gas in Egitto, e un altro potrebbe nascondersi sotto questo

WhatsApp Share

 

Una, forse due, scoperte importanti a livello energetico: in Egitto, nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo, è stata rilevata un giacimento di gas di rilevanza mondiale. A darne notizia è il gruppo Eni, autore della ricerca.

Il giacimento potrà garantire la soddisfazione della domanda egiziana di gas naturale per decenni: 'il giacimento può avere un potenziale fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto e rappresentare quindi una delle maggiori scoperte di gas a livello mondiale, situata in un permesso detenuto da Eni al 100%'. La scoperta è avvenuta presso il prospetto esplorativo denominato Zohr. Il pozzo Zohr 1X, attraverso il quale è stata effettuata la scoperta, è situato a 1.450 metri di profondità d'acqua, nel blocco Shorouk, siglato nel gennaio 2014 con il Ministero del Petrolio egiziano e con la Egyptian Natural Gas Holding Company (EGAS) a seguito di una gara internazionale competitiva.

La scoperta è avvenuta nell'offshore egiziano del Mar Mediterraneo presso il prospetto esplorativo denominato Zohr. Il pozzo Zohr 1X, attraverso il quale è stata effettuata la scoperta, è situato a 1.450 metri di profondità d'acqua, nel blocco Shorouk, siglato nel gennaio 2014 con il Ministero del Petrolio egiziano e con la Egyptian Natural Gas Holding Company (EGAS) a seguito di una gara internazionale competitiva. Dalle informazioni geologiche e geofisiche disponibili, e dai dati acquisiti nel pozzo di scoperta - spiega il cane a Sei Zampe - "il giacimento supergiant presenta un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto (5,5 miliardi di barili di olio equivalente) e un'estensione di circa 100 chilometri quadrati. Zohr rappresenta la più grande scoperta di gas mai effettuata in Egitto e nel mar Mediterraneo e può diventare una delle maggiori scoperte di gas a livello mondiale.

 

Sotto questo enorme giacimento se ne potrebbe nascondere un altro. A dare l'annuncio del possibile ritrovamento, è stato l'amministratore delegato Claudio Descalzi, ascoltato in audizione dalle Commissioni Attività produttive della Camera e Industria del Senato: sotto il giacimento Zohr 1X 'probabilmente ce n'è un altro, forse di condensati o olio'.