Cosa fa il nostro paese per la sua sostenibilità?

Legambiente ci racconta lo stato dell'arte delle energie rinnovabili in Italia

WhatsApp Share

 

Nel Rapporto sui Comuni rinnovabili del 2015, Legambiente ha riportati i dati sulla progressione dell'energia sostenibile in Italia, raccontando di come nel 2014 il 38,2% dei consumi elettrici complessivi siano stati soddisfatti con le rinnovabili e di come, ad oggi, l'Italia abbia il primato di maggiore incidenza del solare nei consumi elettrici al mondo.

Il sito Comuni Rinnovabili: Obiettivo 100%, con la mappatura delle buone pratiche e il racconto delle innovazioni energetiche italiane, ci mostra come ormai siano circa 800mila gli impianti che sono distribuiti sul nostro territorio, contando il totale degli elettrici e dei termici. Purtroppo la scarsità degli incentivi proposti sul piano politico, la mancanza di chiarezza sulle prospettive future e le barriere varie su alcune tipologie di impianti (per esempio gli eolici offshore), hanno ridotto i ritmi di crescita per tutte le fonti rispetto al passato, ma i dati riportati da Legambiente riescono ad essere comunque molto positivi.

In ognuno degli 8.047 comuni italiani è presente almeno un impianto solare fotovoltaico e in 6.803 almeno un impianto solare termico; sono 700 i comuni in cui è presente l'eolico (e di questi 323 sono elettricamente autonomi grazie a questi impianti), 1.160 quelli del mini idroelettrico (impianti fino a 3 MW), 484 i geotermici e 2.415 quelli delle bioenergie (gli impianti a biogas sono in forte crescita).

 

Quest'anno, il premio “Comuni Rinnovabili 2015” è andato a Campo Tures, un comune di poco più di 5.200 abitanti in provincia di Bolzano che è riuscito a soddisfare il suo intero fabbisogno energetico grazie a una gestione locale dell’intera filiera energetica e un mix di 7 tecnologie da fonti rinnovabili elettriche; mentre i due comuni a cui è stato assegnato il premio Buona Pratica sono: Forlì per il primo campo solare termico a concentrazione in Italia a servizio di utenze industriali e il piccolo comune di Celle San Vito (FG), per la riqualificazione energetica di edifici esistenti e l'integrazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili in strutture edilizie.

EC