L'Italia ha il primato mondiale per l'integrazione di biomasse e geotermia

In Toscana, innovazione e sostenibilità firmate da Enel per un impatto ambientale vicino allo zero

WhatsApp Share

 

La Enel Green Power, società del gruppo Enel che si dedica allo sviluppo e alla gestione delle attività che utilizzano energia proveniente da fonti rinnovabili, grazie a un investimento di 15 milioni di euro, ha completato la costruzione del primo impianto al mondo che integra la produzione di vapore geotermico con le biomasse.   

Nella centrale geotermica «Cornia 2», nel Comune di Castelnuovo Val di Cecina, in Toscana, le biomasse di provenienza locale (si parla di «filiera corta», visto che il raggio calcolato è di 70 km dall'ubicazione dell'impianto) vengono utilizzate per aumentare il surriscaldamento del vapore creato dall'energia geotermica in ingresso all'impianto di più di 200° (si passa da una temperatura iniziale compresa tra i 150/160° a una di 370/380°), migliorando l'efficienza del ciclo e la quantità di vapore prodotto presso lo stabilimento; in questo modo la capacità di generazione aumenta di 5 MW, arrivando a circa 18 MW e l'impianto permette una crescita nella produzione di oltre 30 Gwh l'anno, con più di 13.000 tonnellate annue di CO2 evitate.

Non è la prima volta che Enel Green Power si affida all'integrazione di diverse fonti rinnovabili: nell'impianto di Stillwater negli Stati Uniti, la geotermia è stata integrata con il solare termodinamico, e in quello di Fontes Solar in Brasile, l'eolico con il fotovoltaico. L'importanza di questo specifico progetto risiede nel fatto che l'impatto ambientale è vicino allo zero e che si tratta dell'integrazione di una struttura industriale già esistente: Enel Green Power, oltre a unire due diverse energie rinnovabili, a garantire un buon uso delle biomasse forestali e a sostenere un incremento dell'occupazione (tutto il processo di gestione della filiera corta crea lavoro per 35/40 persone), è riuscita a mantenere questo impianto totalmente sostenibile e ad utilizzare una tecnologia innovativa che ha regalato all'Italia un primato mondiale.

EC