Nuovi impianti idrici in Serbia, a firma italiana

 

L'italiana ADRE Hydropower si e' aggiudicata un appalto per la realizzazione di impianti per lo sfruttamento dell’energia idroelettrica

WhatsApp Share



 

L'idroelettrico italiano sbarca anche in Serbia: ADRE Hydropower, azienda italiana leader nell'Engineering & Construction, si è aggiudicata un appalto pubblico del Ministero dell’Energia di Belgrado per lo sviluppo di nuove infrastrutture civili in Serbia. Il progetto, del valore iniziale di 1mln di Euro, sarà realizzato nella zona di Prijepolje nella Serbia del Sud.

 

 

La concessione di ADRE Hydropower prevede la progettazione e la costruzione di un impianto per lo sfruttamento dell’energia idroelettrica di un affluente del fiume Lim. Contemporaneamente, saranno realizzate tutte le infrastrutture civili di supporto come strade e bacini. La centrale idroelettrica, con una potenza installata di quasi 300KW, avrà, inizialmente, una produzione annua di 1.050.000 KWh e l’energia prodotta sarà destinata ad uso industriale per le imprese della zona e all’uso domestico di circa 400 famiglie.

 

 

“I Balcani rappresentano per noi un mercato molto interessante – ha dichiarato Claudio Barbano, Ceo e Chairman di Adre Hydropower – e questo nuovo progetto è perfettamente in linea con la nostra strategia di crescita in ambito internazionale che prevede attività ed investimenti nei paesi e nelle economie emergenti. Abbiamo un approccio innovativo ed ecocompatibile, con un know how altamente tecnologico che ci permette di essere molto competitivi nel campo delle costruzioni di opere civili. Serbia, Macedonia, Montenegro, Croazia e Albania – conclude Barbano - sono in sviluppo economico con grandi necessità di infrastrutture e rappresentano per il nostro gruppo una grande opportunità di crescita internazionale”.