Una batteria (quasi) eterna. Manderemo in pensione gli ioni di litio?

I ricercatori creano una batteria che può essere caricata e scaricata centinaia di migliaia di volte 

WhatsApp Share

Le batterie sono un oggetto cruciale per il futuro dell'energia verde: servono batterie che possano durare a lungo e che abbiano alte prestazioni per i progetti di energia solare ed eolica, ma servono anche per i veicoli elettrici e per tutti i vari gadget e apparecchi elettronici che hanno una parte così importante nella nostra vita.

Da tempo, gli scienziati cercano di sperimentare diversi materiali per arrivare a fornire batterie che possano immagazzinare più energia e che abbiano una durata che ci permetta di non doverle sostituire troppo spesso – insomma, qualcosa che sia più sostenibile. Recentemente, i ricercatori della University of California hanno fatto un passo in avanti molto importante in questo senso: hanno sviluppato una batteria che può essere caricata e scaricata centinaia di migliaia di volte. E, sorprendentemente, è stato frutto del caso.

Una tipica batteria agli ioni di litio comincia a deteriorarsi dopo qualche migliaio di cicli di carica, perché i depositi di litio si accumulano sugli elettrodi e fanno sì che la batteria perda la capacità di mantenere la carica: in questa batteria, i ricercatori hanno utilizzato nanofili altamente conduttivi e con una grande superficie, che hanno quindi una grande tenuta di carica. E, per combattere la fragilità che comporta la rottura dei nanofili in seguito a molti cicli di carico e scarico, i ricercatori hanno deciso di usare un nanofilo in oro in un guscio di biossido di manganese e di racchiudere tutto l'assemblaggio in un gel elettrolita che sembra plexiglas. Ed è proprio quest'ultimo tassello quello che è stato trovato per caso, ma che ha donato alla batteria quello che mancava per diventare (quasi) «eterna»: quando l'hanno testato, il dispositivo è stato in grado di passare attraverso 200.000 cicli di carico/scarico senza alcuna perdita di capacità o danni ai nanofili – di solito, le batterie muoiono dopo 5.000, 6.000, 7.000 cicli al massimo.

Questa nuova batteria potrebbe portare verso una batteria davvero eterna, che non deve essere mai sostituita, rivoluzionando tutta la nostra vita.

 

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy