Parte a Rovereto la terza edizione del Festivalmeteorologia

Dal 17 al 19 novembre conferenze, laboratori, stand e attività didattiche aperte a tutti sul tema della metereologia

WhatsApp Share

17 Novembre 2017

La meteorologia è una scienza che si avvale della tecnologia per il proprio sviluppo e contribuisce essa stessa a sviluppare nuove tecnologie per le proprie applicazioni. A questo è tema è dedicato il Festivalmetereologia di Rovereto, in programma il 17, 18 e 19 novembre. Tante le novità e gli ospiti di spicco per la tre giorni promossa da Università di Trento e Comune di Rovereto, insieme a Trentino Sviluppo e Fondazione Museo Civico di Rovereto.

L'evento, di anno in anno, si sta affermando come preziosa occasione di incontro, di conoscenza e interazione tra le diverse realtà della meteorologia italiana.

Il programma dell’edizione 2017 ruoterà attorno al tema “Meteorologia: tra scienza e tecnologia”. Ci saranno incontri e conferenze, ma anche attività didattiche e ludiche, laboratori, mostre e concorsi, oltre a spazi espositivi dedicati ad enti, aziende ed associazioni. Il Festivalmeteorologia riunirà gli operatori dei servizi meteorologici, istituzionali e privati, i professionisti e le aziende del settore, i ricercatori, gli appassionati di meteorologia, le scuole e il grande pubblico. Il ricco programma delle conferenze del Festivalmeteorologia vedrà i protagonisti affrontare il tema della meteorologia come scienza che si avvale della tecnologia per il proprio sviluppo e contribuisce essa stessa a sviluppare nuove tecnologie per le proprie applicazioni.

Si parte dunque venerdì presso il Polo Tecnologico Trentino Sviluppo alle ore 09.30 con l'inaugurazione ufficiale che, dopo il saluto delle autorità vedrà ospiti Silvio Cau, Capo del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare e Piera Levi-Montalcini, Presidente dell'Associazione Rita Levi-Montalcini.
Si entrerà subito nel vivo con le conferenze che dalle 10.20 in avanti vedranno alternarsi Francesca Marcucci del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare, Renata Pelosini dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Regione Piemonte, Erik Andersson, vicedirettore del Dipartimento delle Previsioni del Centro Europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (ECMWF) di Reading (UK), Michele D'Onofrio e Roberto Toccaceli di ENAV, Andrea Piazza dell'Ufficio Previsioni e Organizzazione del Dipartimento della Protezione Civile della Provincia Autonoma di Trento, Martina Fanfato di VAISALA e Giorgio Rembardo dell'Associazione Nazionale Presidi.
Il pomeriggio proseguirà con il presidente della Società Meteorologica Italiana e giornalista ambientale Luca Mercalli, protagonista con una conferenza dal titolo “Crisi climatica e ambientale: perché la trascuriamo? Quali rischi corriamo?” alla sala conferenze MART dalle ore 17.00.
La prima giornata si chiuderà con il concerto curato dalla Scuola Musicale Jan Novàk, alle ore 21.00 al Teatro Zandonai.

Sabato 18, al mattino, riprenderà il programma di conferenze sempre presso il Polo Tecnologico Trentino Sviluppo, mentre alle 15.00 è previsto uno dei momento più attesi della tre giorni. Esperti di diversi settori, moderati da Luca Calzolari Direttore de Ilgiornaledellaprotezionecivile.it, si confronteranno nella tavola rotonda “Comunicare la meteorologia nei media, su internet, nella scuola e nella società: opportunità e rischi”. Spesso il tema viene trattato in modo superficiale e inappropriato, veicolando messaggi inesatti e fuorvianti, ecco perché è fondamentale confrontarsi per trovare dei rimedi condivisi tra gli operatori coinvolti nella comunicazione degli eventi meteorologici.

Durante i giorni del festival, sono infine previste varie attività didattiche per famiglie e scuole nella sede della Fondazione Museo Civico di Rovereto in Borgo Santa Caterina. Mostre ed eventi di approfondimento si terranno in altri luoghi della città.
Il Festivalmeteorologia sarà anche una vetrina nazionale per le aziende e le istituzioni che hanno un interesse specifico nelle previsioni del tempo.