Annunciato in India il primo aeroporto totalmente rinnovabile al mondo

Il 100% del fabbisogno energetico del Cochin International Airport è soddisfatto dall'energia solare

WhatsApp Share

 

Questa volta è l'India a dare un esempio importante per quanto riguarda l'uso delle forme alternative di energia: il passo verso un utilizzo sensato e importante delle energie rinnovabili è stato segnato dall'annuncio della trasformazione dell'aeroporto internazionale di Cochin nel primo aeroporto al mondo totalmente sostenuto dall'energia solare.

L'impianto che è stato installato è formato da 46.150 pannelli solari che si distribuiscono su un terreno di 45 acri, con una potenza di 12 MW - qualsiasi potenza in eccesso viene immessa nella rete locale. Le unità di energia elettrica che vengono generate per uso quotidiano - tra le 50.000 e le 60.000 – riescono a soddisfare l'intero fabbisogno della costruzione, che per questo può rivendicare il titolo di aeroporto al 100% rinnovabile. L'impianto, commissionato da Bosch, un fornitore di tecnologia e servizi, è stato installato da Emvee Photovoltaic Power e dotato del sistema SCADA, che consente il monitoraggio remoto dell'impianto.

L'aeroporto ha sempre avuto una certa inclinazione verso la sostenibilità, ma questo è un livello completamente nuovo. Il primo pannello solare era stato installato nel 2013, facendo di Cochin un sito di avanguardia nello stato del Kerala, oggi la maggior parte dei tetti dell'aeroporto è ricoperta da pannelli.

 

Il punto non è solo il risparmio energetico, economico e ambientale, il punto è che si stimano cifre impressionanti per il futuro: nel corso dei prossimi 25 anni, l'aeroporto, passando dal carbone all'energia solare, potrà salvare l'ambiente da 300.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica (che è come piantare 3 milioni di alberi!). Inutile dire che la speranza è che l'India possa essere di ispirazione per tutti e che gli aeroporti di ogni parte del mondo vogliano somigliare a Cochin.

EC