Come interagiranno le automobili senza conducente e le persone?

Uno studio indaga per capire se pedoni e ciclisti subiranno le macchine con l'auto-guida o finiranno per bullizzarle

WhatsApp Share

È uno studio molto affascinante quello che è venuto fuori dalla University of California, Santa Cruz: sul Journal of Planning, Education and Research, Adam Millard-Ball racconta come, in un mondo pieno di automobili che si guidano da sole, i pedoni potranno avere spazio sulla strada ed essere in grado di fare ciò che vogliono, in quanto le vetture con l'auto-guida, anche dette veicoli autonomi (AVs), gli daranno il diritto di precedenza.

Di solito, le persone che attraversano le strade, anche se sono sulle strisce, tendono a non imporsi, a far passare le auto, a cercare di capire come muoversi senza osare. Sono consapevoli che gli automobilisti non hanno alcun interesse a metterle sotto, ma sanno anche che la percentuale di incidenti è molto alta e che ci si può trovare davanti a un autista distratto, drogato o sociopatico.

Con le AVs, invece, è tutta un'altra storia: esse sono programmate per seguire le regole e stare attente ai pedoni.

Secondo lo studio di Millard-Ball, fatto utilizzando la teoria dei giochi, in periferia, con un basso volume di traffico, le AVs e gli esseri umani possono coesistere abbastanza bene nelle strade, condividendo lo spazio – i bambini possono giocare nel traffico e i genitori non devono preoccuparsi. È nelle zone più dense della città che la situazione cambia, con un certo numero di scenari possibili che tendono, però, verso una supremazia dei pedoni e dei ciclisti, che sapendo che i veicoli si fermeranno ne abusano, creando rallentamenti e aumentando la densità urbana. A questo si deve rispondere con normative precise e una diversa strutturazione delle strade.

Ora che viviamo in una cultura automobilistica, è naturale che i nostri tecnologi cerchino soluzioni di trasporto che si basano sulle automobili. Speriamo che quando arriverà il momento critico, si sarà già in grado di avere una soluzione.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy