Blue economy: addio alla colla artificiale

Dalla blue economy e dall’imitazione della natura arriva la colla non colla

WhatsApp Share

 

Chi lo ha detto che per attaccare due cose serve sempre la colla. No, non serve sempre, risponderebbe qualche romanticone, bastano i sentimenti. Avete anche ragione, ma non parliamo di questo: George de Mestral ha sviluppato una gamma di prodotti che attaccano senza colla. Vediamo di cosa si tratta. Tra i prodotti più conosciuti ci sono dei nastri adesivi che si ispirano ai gechi e che vengono utilizzati e commercializzati in Giappone dalla Nitto Denko.

‘Un prodotto simile che è stato di recente commercializzato è la colla senza formaldeide, ispirata alle cozze e commercializzara dalla Columbia Foreste Products’, si legge nel libro Blue Economy di Gunter Pauli.

 

Il grande passo in avanti sarebbe per l’ambiente e per la saluta, dato la riduzione dell’utilizzo dei materiali tossici. A livello occupazionale, infatti,  non cambierebbe tanto: ‘Dato che la produzione delle colle e dei loro sostituti è un’attività a bassa intensità di lavoro, il potenziale occupazionale di queste innovazioni è minimo’.

gc