Gli uomini di Neanderthal e noi

Creati dei minicervelli di Neanderthal grazie alle cellule staminali per capire meglio la storia di quegli uomini che non abbiamo mai incontrato

WhatsApp Share

Gli scienziati sono riusciti a far crescere dei cervelli come quelli degli uomini di Neanderthal ma in miniatura e, in questo modo, li hanno potuti studiare al fine di capire meglio perché la nostra versione di uomo ha funzionato fino a diventare la specie dominante mentre la loro no. In sostanza, tutto è dipeso dal modo in cui il cervello ha strutturato se stesso nei due casi e come si è sviluppato.

A quanto riporta «Science Magazine», sono almeno due le squadre di scienziati che stanno lavorando a questo progetto (che ancora non ha trovato la strada della pubblicazione). In questa presentazione della ricerca, quello che emerge è che ci sono alcune differenze chiave tra il nostro cervello e questi antichi cervelli che suggeriscono che gli uomini di Neanderthal potrebbero non essere stati capaci di comunicare abbastanza bene, sicuramente non bene come siamo capaci di fare noi. I loro cervelli non erano progettati per gestire la comunicazione, proprio a livello neurale.

E quindi anche se gli umani non erano i più forti né i più veloci, sono riusciti a farcela proprio per questo, perché sono (siamo) riusciti a comunicare e socializzare, sono (siamo) riusciti a sviluppare comunità, unirci in maniera da combattere insieme e diventare potenti. Certo, questa è un'informazione che conoscevamo già, ma adesso la conosciamo meglio, grazie a questi nuovi «Neanderoid» (è così che che i ricercatori chiamano questi minicervelli).

A partire da questi cervelli cresciuti da cellule staminali pluripotenti, gli scienziati potranno anche pensare di testare nuovi farmaci su un modello umano (semplificato) che produce risultati migliori rispetto ai test sugli animali. E chissà quanto altro.

Al netto, come sempre, di linee guida etiche che sono già in fase di elaborazione e che, forse un giorno, permetteranno di far crescere cervelli sempre più avanzati in un laboratorio.