È boom di tumore ai testicoli. 5 mosse per prevenirlo

5 mosse per prevenire il cancro ai testicoli, un malattia in aumento anche nei giovani

WhatsApp Share

 

Uomini attenzione: il tumore ai testicoli colpisce principalmente fra i 25 e i 49 anni, uomini abbastanza giovani dunque, con una frequenza in crescita (+45% negli ultimi 30 anni). La buona notizia è che la mortalità, però, è in netto calo. Importante, ovviamente, è la prevenzione, come raccomandano gli specialisti riuniti a Madrid per il congresso della Società europea di urologia (Eau).

Per prevenire il cancro ai testicoli e, se in caso di malattia, poter agire in tempo, gli eseperti raccomandano 5 mosse, utili ad eseguire da soli un esame attento e accurato. Anche gli uomini, quindi, devono imparare l’autopalpazione. ‘I ragazzi devono imparare come, con poche mosse e in qualche minuto, scoprire un eventuale tumore dei testicoli sul nascere’, sottolinea Vincenzo Mirone, segretario generale della Siu (Società italiana di urologia). ìQuesta è la neoplasia più comune - spiega - nei giovani maschi fra i 25 e i 49 anni, rappresentando circa l'1% del totale e il 3-10% dei tumori che colpiscono l'apparato urogenitale maschile. È importante perciò sensibilizzare i giovani all'autopalpazione, insegnando loro a prestare attenzione a qualsiasi modifica possa verificarsi nell'anatomia o nella forma dello scroto e dei testicoli. Adulti e ragazzi dovrebbero conoscerne dimensioni e aspetto 'normali', in modo da essere in grado di riconoscere immediatamente qualunque alterazione’. Imparare questo significa anche prevenire il tumore alla prostata.

Ecco le cinque mosse contro il cancro ai testicoli: avvolgere i due testicolo nel palmo delle mani ed esaminarli facendo ruotare il testicolo accuratamente tra pollice e indice di entrambe le mani. Quindi con le dita andare a caccia di noduli duri, gonfiori morbidi o tondeggianti o qualsiasi altra anomalia rilevabile sulla superficie del testicolo, riferendone tempestivamente qualsiasi eventuale presenza al medico. Ripetere l’autopalpazione mensilmente e dopo un bagno caldo, quando cioè il sacco scrotale è rilassato e meglio ispezionabile. Quinta ed ultima regola: imparare l’autopalpazione fin dall’adolescenza.

 

‘È fondamentale che i genitori facciano controllare i bambini dal pediatra di fiducia, poiché una correzione dell'eventuale discesa incompleta del testicolo entro il primo anno di vita riduce il rischio di cancro e facilita la diagnosi precoce del tumore’, conclude Mirone.

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy