È colpa del cervello se possiamo o non possiamo riposare?

Secondo un nuovo studio, la sindrome delle gambe senza riposo è legata a cambiamenti nella struttura del cervello

WhatsApp Share

I cambiamenti strutturali nell'area del cervello che processa le sensazioni possono essere collegati alla sindrome delle gambe senza riposo, secondo un nuovo studio.

Questa patologia del sonno impedisce alle persone di riposare bene, facendogli avvertire delle sensazioni di disagio alle gambe e la necessità di muoverle.

In questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista «Neurology», sono state eseguite scansioni cerebrali su 28 persone con una grave sindrome delle gambe senza riposo e su gruppo di controllo di 51 persone che non aveva questo disturbo. Le scansioni del cervello hanno rivelato che le persone con la sindrome delle gambe senza riposo avevano una media del 7,5% in meno di spessore del tessuto nella corteccia somatosensoriale, ovvero l'area del cervello che elabora le sensazioni come il tatto, il dolore, il movimento, la posizione e la temperatura. Inoltre, avevano anche una diminuzione di tessuto nella regione del cervello dove le fibre nervose connettono i due lati.

Anche se lo studio non ha dimostrato una relazione causa-effetto, è molto importante questa segnalazione perché il legame tra alcuni cambiamenti strutturali del cervello e i sintomi della sindrome delle gambe senza riposo permettono agli scienziati di avere una nuova area da studiare per comprendere questa malattia e cercare nuove forme di terapia per curarla, oltre a quelle che vengono già consigliate.
Inoltre, questo potrebbe essere l'inizio di un diverso tipo di approccio a questa malattia che collega i sintomi della sindrome delle gambe senza riposo anche ad altre parti del sistema sensoriale.