E-sigarette e rischi per i giovani

Gli adolescenti che usano le sigarette elettroniche espongono se stessi alle tossine che causano il cancro, in particolare se scelgono liquidi fruttati da svapare

WhatsApp Share

Secondo un nuovo studio  recentemente pubblicato sulla rivista «Pediatrics», il rischio per i giovani che usano le e-sigarette è molto alto: a quanto pare, gli adolescenti svapando – soprattutto con i prodotti a base di frutta – si espongono al cancro. 

I test delle urine hanno rivelato elevati livelli di cinque diverse tossine nei corpi di adolescenti che usano le e-sigarette, tutte tossine che sono sospettate di essere cancerogene o – peggio – ben note per esserlo. I risultati hanno indicato che i livelli di queste tossine negli «svapatori» erano tre volte maggiori di quelli trovati nelle urine di ragazzi che non avevano mai svapato.

Le tossine – acroleina, acrilammide, acrilonitrile, crotonaldeide e ossido di propilene – appartengono tutte a una classe di sostanze chimiche conosciute come composti organici volatili (COV). In particolare, le e-sigarette al gusto di frutta hanno prodotto livelli significativamente più elevati di acrilonitrile e questo desta una grande preoccupazione perché sono proprio i gusti alla frutta ad essere più popolari tra gli adolescenti e l'acrilonitrile è un noto cancerogeno.

I COV vengono rilasciati quando il liquido della sigaretta elettronica viene riscaldato al punto in cui diventa vapore perché, anche se il liquido contiene solventi che sono additivi alimentari approvati, col calore esso può formare altri composti chimici – compresi i COV.

Questi composti organici volatili tossici sono presenti anche nelle sigarette tradizionali e in quantità maggiori. I ricercatori hanno spiegato che le persone che fumano sia le sigarette elettroniche che quelle di tabacco hanno livelli di tossine fino a tre volte superiori a quelli che si limitano a svapare.
Tutto questo per dire che le sigarette elettroniche non sono così innocue come sembrano, nemmeno quando sanno di frutta, nemmeno quando non contengono nicotina – questo ha rivelato lo studio.