In arrivo il sangue artificiale

Da una proteina dolce potrebbe arrivare il sangue artificiale: l’emoglobina della barbabietola potrebbe essere compatibile con l’uomo

WhatsApp Share

 

Potrebbe presto arrivare il sangue artificiale, grazie ad una proteina  presente nella barbabietola da zucchero. La scoperta è dovuta ad uno studio di ricercatori svedesi, che stanno capendo se la proteina si può 'adattare' la proteina vegetale in un modo che questa sia accettata dai tessuti umani, per mettere fine alla carenza di sangue.

I primi risultati sul sangue artificiale potrebbero arrivare fra tre anni. Il lavoro degli scienziati dell'Università di Lund si basa su un precedente studio pubblicato su 'Plant & Cell Physiology', secondo cui l'emoglobina ha un ruolo importante nello sviluppo della pianta.

L’emoglobina della barbabietola, secondo quanto affermato da Nelida Leiva dell'ateneo svedese,  ha il 50-60% di somiglianza con quella del sangue umano, ma è più 'robusta'. Secondo la studiosa, il suo lavoro apre alla possibilità concreta di adattare la versione 'verde' all'usonell'uomo.

‘C'è un enorme carenza di sangue. Dobbiamo trovare delle alternative’,sottolinea alla Bbc online Leif Bulow dell'Università di Lund, che ha lavorato allo studio. Quanto all'emoglobina della pianta, il prossimo passo è quello di sviluppare la proteina verde per vedere se viene accettata dalle cavie, e poi dai tessuti umani.

gc