L’aloe vera cura il cancro? Rispondono gli esperti

È possibile curare il cancro attraverso l’aloe vera? E’ possibile che questa pianta porti alla morte delle cellule cattive?

WhatsApp Share

 

Può l’aloe curare il cancro? Alcune teorie, non dimostrate scientificamente, sostengono che l’Aloe vera sia in grado di curare molti tipi di tumore, anche quelli in fase avanzata. Ma cosa c’è di vero e provato? Purtroppo nulla. Se è vero ed è dimostrato, infatti, che l’aloe vera riesce a trattare con efficacia alcune eruzioni cutanee, scottature ed ustioni, non è ancora provato quali siano i suoi effetti sulle cellule del cancro.

I ricercatori, si legge sul sito dell’Airc, stanno ‘valutando con attenzione gli effetti sull'organismo di alcune delle sostanze contenute in questa pianta e i meccanismi molecolari che li determinano’: ‘l'attenzione degli esperti si concentra soprattutto su alcune molecole capaci di influenzare il sistema immunitario come per esempio l'acemannano, che in modelli sperimentali è in grado di stimolare la produzione di molecole chiamate citochine, o l'aloeride, un forte stimolante del sistema immunitario. L'emodina contenuta nelle foglie di Aloe vera, blocca in vitro la crescita delle cellule e stimola l'apoptosi, ovvero il processo di "morte programmata", fondamentale nella lotta contro il cancro perché permette all'organismo di eliminare le cellule tumorali. Alcuni studi in vitro hanno dimostrato in particolare che l'emodina è efficace contro le cellule di tumore di testa-collo e di tumore del fegato. Infine il DEHP, sigla che indica il di(2-etilesil)ftalato, blocca le cellule di leucemia in modelli in vitro’.

 

Quindi, studi già effettuati ‘hanno fornito in alcuni casi risultati interessanti’, ma solo in vitro e ‘non nell'uomo’. ‘Questo significa, in pratica, che i dati oggi disponibili non sono sufficienti ad affermare che le sostanze studiate sono efficaci e sicure anche nelle terapie umane’, si legge sul sito dell’Airc. 

gc