Lo stress psicologico rende miopi?

Secondo i ricercatori, lo stress persistente può contribuire alla perdita della vista

WhatsApp Share

I ricercatori di psicologia medica della Magdeburg University hanno pubblicato uno studio riguardante il rapporto tra stress psicologico persistente e progressiva perdita della vista, includendo raccomandazioni per migliorare la relazione medico-paziente e contenere lo stress.

Lo studio, che sarà presentato a novembre 2018 alla 5° Conferenza Internazionale “Low Vision and Brain” a Berlino si basa su un’analisi completa di centinaia di ricerche e rapporti clinici e sull’ipotesi che, se da un lato la perdita di vista è indotto dallo stress, dall’altro la riduzione di quest’ultimo contribuisce al ripristino della vista.”

"Lo stress continuo e i livelli elevati di cortisolo hanno un impatto negativo sull'occhio e sul cervello, a causa dello squilibrio del sistema nervoso (simpatico) e della deregolazione vascolare", spiega Sabel, direttore dell’Istituto di psicologia medica della Magdeburg University, sottolineando che sia l'occhio che il cervello sono coinvolti nella perdita della vista, un fatto che è spesso trascurato dal e non è sistematicamente documentato nella letteratura medica.

Il comportamento e le parole del medico curante possono avere conseguenze nella riduzione della vista. Ma anche la capacità di rilassarsi. Rispetto a questa, una risposta davvero efficace potrebbe venire dalla meditazione.