Scoperto “superbatterio” che resiste a tutti gli antibiotici. Morta una donna

In ambiente ospedaliero i batteri cattivi si 'selezionano' più facilmente, sia per la 'concentrazione' degli agenti patogeni sia perché i microbi si devono attrezzare a resistere alle cure più aggressive

WhatsApp Share

Negli Stati Uniti è allarme dopo la scoperta di un batterio che ha causato la morte di una donna e ha resistito a 26 diversi antibiotici.

È successo a una paziente settantenne nello stato del Nevada deceduta per una infezione. La donna aveva soggiornato a lungo in India e era stata ricoverata il 18 agosto scorso per problemi respiratori legati ad un'infezione da Klebsiella pneumoniae. Si tratta di un batterio raro che resiste a quasi tutti gli antibiotici sul mercato e che si diffonde in ambiente ospedaliero, dove i batteri cattivi si 'selezionano' più facilmente, sia per la 'concentrazione' degli agenti patogeni sia perché i microbi si devono attrezzare a resistere alle cure più aggressive.

Secondo le autorità sanitarie americane, la donna si sarebbe ammalata in India, dove era entrata in ospedale per la frattura a una gamba.

La Klebsiella pneumoniae ha un tasso di mortalità di circa il 50%. È temuta da tutti gli organismi di sanità internazionale perché è difficile da combattere.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy