Un sostegno naturale per la tiroide

Alcuni suggerimenti per sostenere il corretto funzionamento ormonale

WhatsApp Share

Il corretto funzionamento della tiroide è collegato a una buona resistenza agli agenti patogeni, una crescita sana, alla produzione di proteine, al controllo della temperatura corporea e alla quantità di ossigeno bruciata dalle cellule. Per sostenere queste funzioni, la ghiandola rilascia quantità precise di tiroxina.

Le malattie legate alla tiroide, però, alterano il rilascio di questo importante ormone. Che sia troppo o troppo poco, possono insorgere affaticamento e problemi di peso.

Fortunatamente, una ghiandola tiroidea malata può essere sostenuta con integratori e sostituti farmacologici. Non solo, alcune soluzioni naturali potrebbero venirci incontro.

Le alghe spirulina (e le alghe in generale) sono alcune delle migliori fonti naturali di iodio. Sono anche alcuni dei rimedi più antichi usati per alleviare i problemi della tiroide. La tiroide utilizza lo iodio come materia prima per sintetizzare la tiroxina. Consumare alghe potrebbe fornire, quindi, una quantità sufficiente di iodio per ricostituire i bassi livelli dell'ormone tiroideo.

Non solo. La tiroide utilizza minerali e oligoelementi in varie funzioni metaboliche. I più comuni sono il calcio, il rame, il ferro, il manganese e lo zinco; anche il neodimio, il terbio e il tulio sono molto importanti.

La ghiandola si basa anche sul complesso vitaminico B per alcune delle sue funzioni. Questo complesso vitaminico migliora il consumo di ossigeno cellulare, aumentando i livelli di energia, l'efficienza della digestione e rafforzando il sistema immunitario.

Ovviamente, per esser certi del dosaggio, è meglio consultare fin dall'inizio un naturopata e un nutrizionista.