I pesci si stanno evolvendo per resistere alle acque tossiche

I Killifish stanno dimostrando di poter sopportare livelli di inquinamento quotidiano 8000 volte superiori al limite letale, grazie al fatto che sono mutati geneticamente

WhatsApp Share

Il fiume Elizabeth, che si trova in Virginia, è noto per avere tra le acque maggiormente tossiche di tutti gli Stati Uniti. Un tempo sito di un impianto per il trattamento del legno e di una discarica marina, il fiume era già ricco di inquinanti industriali prima di essere posto sotto il programma Environmental Protection Agency (EPA) Superfund.

Qualsiasi creatura avesse voluto vivere in quelle acque, è indubbio che non avrebbe potuto: per questo è stato così sorprendente scoprire che i killifish non solo ce l'avevano fatta, ma nel tempo avevano anche prosperato.

Data l'incredibile tossicità delle acque, questa scoperta significa che i pesci hanno resistito a livelli estremamente elevati di inquinamento quotidiano, praticamente 8000 volte superiori al limite letale.

Come hanno fatto?
Gli scienziati ritengono che i killifish si sono evoluti con mutazioni genetiche che gli hanno permesso di aumentare la loro tolleranza alle acque contaminate. Con il sequenziamento e confrontando i genomi delle specie mutanti contro quelli dei killifish «normali», gli studiosi hanno scoperto che c'era una mutazione comune tra quelli che provenivano dalle acque inquinate, una mutazione molto rara in quelli trovati nelle zone non inquinate, ovvero una disattivazione del percorso molecolare che causava il danno cellulare a partire dalle sostanze chimiche presenti nell'acqua.

Questo ha dimostrato anche un fatto preoccupante, ovvero che l'impatto dell'umanità sull'ambiente è così grave da portare le specie ad evolvere per adattarsi al nuovo ambiente, ma non tutte le specie hanno questa capacità che è toccata al killifish, quindi ora gli scienziati lavoreranno su questi dati per capire innanzitutto se questa mutazione provocherà problemi in futuro a questi pesci, ma anche quali specie sono più pronte a sopravvivere ai cambiamenti ambientali inevitabili che stanno arrivando e come gli inquinanti chimici possono influenzare gli esseri umani e gli animali.