La fattoria dei grilli, insetti presto sulle nostre tavole

Gli insetti potrebbero essere una valida alternativa a bovini e suini, in California ci stanno già pensando

WhatsApp Share

Nel mondo milioni di persone fanno affidamento per la propria dieta su creature che a noi fanno paura e non ingeriremmo ma: parliamo degli insetti, di varie specie e dimensioni.

Non siamo culturalmente abituati, però a livello nutrizionale non sono male: molti di essi sono una buona fonte di proteine con pochi grassi e richiedono molte meno risorse per essere cresciuti rispetto a bovini e suini; e soprattutto l'allevamento di insetti ha un impatto ambientale minore per quanto riguarda l'emissione di gas serra.

In California vogliono provarci con i Grilli. Non esisteva nessuna industria che li crescesse su larga scala per inserirli nella catena alimentare dell'uomo fino a quando non è arrivata, a Oakland, Tiny Farms.

Il co-fondatore Daniel Imrie-Situnayake ha deciso di buttarsi nel settore dato che è convinto che le persone siano pronte a introdurre gli insetti nella loro dieta, soprattutto coloro che sono attenti alla salute e all'impatto ambientale delle loro scelte.

L'obiettivo di questa nuova dieta è introdurre una nuova fonte di proteine per gli uomini che sia a basso impatto ambientale e che sia facilmente producibile con le risorse che abbiamo a disposizione.

Siete pronti a un bel piatto di grilli?

a.po