Oceani caldi? Tifoni più distruttivi

Il riscaldamento degli oceani causerà un aumento dell'intensità dei tifoni e della loro portata distruttiva

WhatsApp Share

L'alta temperatura degli oceani influisce anche sul numero di tifoni e sulla loro potenza. A dirlo è uno studio condotto dall'università della California, cui ha preso parte anche Claudia Pasquero dell'università Milano-Bicocca. L'allarme è serio: i cambiamenti climatici hanno portato ad un aumento della temperatura dei mari, ed entro la fine di questo secolo i tifoni potrebbero essere più intensi del 14% rispetto a come sono oggi. In particolare, a fare i conti con i tifoni sono le temperatura del Pacifico.


Gli esperti hanno valutato le temperature delle acque alle basse latitudini del Pacifico nordoccidentale e le acque superficiali del Pacifico centrale equatoriale, da cui dipenderebbe la velocità dei venti dei tifoni e quindi la loro forza. La forza dei venti dei tifoni, in realtà, è già aumentata, con conseguenze evidenti: gli esperti hanno notato una continua crescita della forza dei tifoni del 10%, tra il 1977 e il 2010. Maggiore forza significa maggiore distruzione.

 

'Una superficie del mare più calda generalmente fornisce più energia allo sviluppo di una tempesta, e quindi favorisce il formarsi di tifoni più intensi', spiega Wei Mei, autore principale dello studio. 'La forza e l'intensità con cui si forma un ciclone dipende da due fattori oceanici: la temperatura superficiale del mare prima che si formi la tempesta, e la differenza di temperatura tra le acque superficiali e quelle più profonde'.

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy