L’opera d’arte è negli occhi di chi guarda

Un nuovo studio analizza l’influenza del nostro stato mentale nella valutazione di un’opera d’arte

WhatsApp Share

Condotto dalla professoressa Nicole Thomas della James Cook University, e dal Dr Alison Simpson della Flinders University e pubblicato sulla rivista Acta Psychologica lo studio esamina come lo stato mentale di una persona possa influenzare il modo con cui si guarda un’opera d’arte.

Una stessa opera d’arte, infatti, osservata da persone diverse, può suscitare in alcune ammirazione e in altre ribrezzo. "Una spiegazione intuitiva - afferma Nicole Thomas - è che la personalità e il modo in cui esaminiamo visivamente l'opera d'arte contribuisce alle nostre preferenze per una particolare opera d’arte"

In via preliminare i volontari sono stati valutati psicologicamente in relazione alla loro personalità; successivamente gli sono state mostrate immagini d'arte astratta e poi è stato chiesto loro di giudicare l’attrattiva estetica delle opere e dire quanto avrebbero pagato per acquistarle. In questa fase di osservazione delle immagini i movimenti degli occhi dei partecipanti sono stati costantemente monitorati.

Benché, come afferma la stessa prof.ssa Thomas, la relazione tra i tratti della personalità e le preferenze delle opere d'arte fosse già ben consolidata - gli scienziati sapevano, ad esempio, che le persone nevrotiche trovavano l'arte astratta e la pop art più attraenti - come psicologi cognitivi, i ricercatori, in questo studio, erano particolarmente interessati ai meccanismi di attenzione e percezione.
"Abbiamo scoperto che le persone che tendevano al nevroticismo prestavano più attenzione alla parte sinistra di un'immagine, e quelle con tratti legati alla schizofrenia guardavano meno spesso in cima a un'immagine", ha detto Nicole Thomas. Elementi, questi, significativi perché ben si adattano alle note differenze di attenzione negli individui con nevroticismo.

"Ad esempio – continua la Thomas - noi tendiamo a guardare prima il lato sinistro delle immagini e il fatto che le persone affette da nevroticismo abbiano dedicato più tempo a guardare a sinistra nel complesso suggerisce che trovano più difficile sviare la loro attenzione. Al contrario, i partecipanti con lievi tendenze schizofreniche sembrano aver fatto affidamento su una strategia di scansione completamente diversa. La tendenza a concentrarsi sulla porzione inferiore di un'immagine è stata precedentemente collegata a deficit dell'attenzione e del controllo dell'attenzione. "

L'attivazione dell'emisfero destro del cervello è anche coerente con l'elaborazione visuo-spaziale superiore, che incoraggerebbe l'esplorazione più completa dell'opera d'arte astratta.
In contrasto con le persone con questi particolari tratti della personalità, ha detto il dott. Thomas, in generale, i movimenti oculari dei partecipanti erano concentrati nel quadrante in alto a destra del loro campo visivo.

"L'emisfero destro del cervello gioca un ruolo significativo nell'elaborazione emotiva. Le opere d'arte sono intrinsecamente emotive e le reazioni emotive suscitate da un'opera d'arte astratta potrebbero indurre le persone a focalizzare la loro attenzione all'interno del quadrante in alto a destra per coinvolgere meglio l'elaborazione emotiva. "
I partecipanti hanno trovato, infine, le immagini esteticamente più piacevoli e più preziose quando le ancore positive erano a sinistra. I risultati dimostrano che i tratti della personalità influenzano i modelli di fissazione. Inoltre, il posizionamento di etichette di ancoraggio positive a sinistra porta a valutazioni più elevate di stimoli visivi.