Perché il primo di Aprile si fanno gli scherzi?

Ve lo siete ricordato che oggi è il Primo di Aprile? Tutti autorizzati a fare scherzi in ufficio, a casa, in palestra e a scuola. Ma non esagerate

WhatsApp Share

 

Vi ricordate che oggi è il primo di Aprile, giorno di scherzi? Ebbene si, cari lettori, fate attenzione. Oramai lo dovreste sapere, insomma, in questo giorno si fanno scherzi fin dal 1564. Ma com’è nata l’abitudine di fare scherzi in questo girono?

 Ci sono tante leggende, ma la storia che più convince tutti fa risalire questa strana ricorrenza ai tempi del regno di Carlo IX di Francia. Verso la metà del XVI secolo, in tutta la Francia le celebrazioni per accogliere un nuovo anno avvenivano dal 25 marzo al 1 Aprile. Ma nel 1564, attraverso il decreto di Roussillon, re Carlo decretò l'adozione del calendario gregoriano facendo diventare così il primo giorno dell'anno il 1 gennaio. Non tutti condivisero la scelta, e leggenda vuole che molti francesi continuarono a festeggiare il nuovo anno dal 25 marzo al 1 Aprile, scambiandosi i regali il 1 Aprile. Qualcuno così decise di ridicolizzare chi era ancorato alle vecchie tradizioni, consegnando regali assurdi e organizzando feste inesistenti, facendo nascere così la tradizione di fare scherzi il primo giorno del primo di Aprile.

E il nome di Pesce d’Aprile com’è nato? La ragione del detto si deve allo zodiaco: qualsiasi evento accaduto in quella data era relazionato con il fatto che il Sole lasciava la costellazione dei Pesci.

 

gc

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy