Le 5 verità sul microonde

Il microonde è uno strumento di uso comune: come funziona? Fa male? Rovina i cibi?

WhatsApp Share

Il microroonde è una soluzione rapida e conveniente per scaldare i nostri piatti e ormai è presente in quasi tutte le case. Alcuni sono scettici sullo strumento e temono che le radiazioni siano pericolose o che possano danneggiare e rendere meno salutari i nostri alimenti.

Il forno microonde funziona trasformando l'energia elettrica in onde elettromagnetiche, chiamate microonde. Queste onde stimolano le molecole nei cibi e fanno sì che inizino a vibrare girando attorno a loro stesse e scontrandosi: questo trasforma l'energia in calore.

Le radiazioni sono pericolose?

Questi forni producono radiazioni elettromagnetiche. Sia chiaro che nonostante si chiamino radiazioni non hanno nulla a che vedere con bombe atomiche o i disastri nucleari. Sono radiazioni simili a quelle che producono i nostri telefoni cellulari. I forni a microonde sono schermati e quindi le radiazioni prodotte non dovrebbero uscire. L'unica precauzione è tenersi a 30 cm di distanza; ovviamente il forno deve essere integro e in buone condizioni!

Rende i cibi meno nutrienti?

Ogni forma di cottura riduce il valore nutritivo dei cibi. Secondo alcunistudi la cottura a microonde non ha effetti peggiori rispetto ad altri metodi di cottura, anzi, da questo punto di vista sarebbe meglio della cottura in pentola a pressione o della bollitura.

Riduce la formazione di componenti dannosi

Un vantaggio della cottura nel microonde è che il cibo si cuoce da solo e non viene a contatto con altre sostanze, come nella frittura. Di solito la temperatura non supera i 100 gradi.

Ad esempio, guardando al bacon, se lo scaldassimo nel microonde rilascerebbe meno nitrosamine (che si formano quando i nitrati vengono scaldato troppo)

Evitare recipianti di plastica

Molti contenitori di plastica contengono componenti dannosi per la salute, per questo è meglio evitare di metterli nel microonde a meno che non sia specificamente scritto che sono adatti.

Il calore elimina i batteri

La cottura nel microonde potrebbe essere meno efficace contro i batteri rispetto ad altri metodi. Le temperature sono inferiori e inoltre i tempi di cottura sono più brevi.

Tirando le somme, è uno strumento utile e rapido che non va demonizzato, anche se ci sono alcuni alimenti che non vanno messi nel microonde.

a.po

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy