I tesori nascosti lungo le vie consolari di Roma

Si presenta alla Camera di Commercio di Roma i 'Tesori lungo le Vie Consolari romane' per parlare di arte e cultura. E' stato creato anche un sito internet in tre lingue e un'applicazione I-phone, 'Tesori in palmo di mano'. Da Ardea a Palestrina, a Prima Porta lungo le 13 vie consolari della Capitale

WhatsApp Share

L’antica città di Ardea risalente al IV secolo a.C, le rovine di Monterano con la chiesa e il convento progettati da Gian Lorenzo Bernini, l’imponente Palazzo Colonna-Barberini di Palestrina e la villa di Livia a Prima Porta. Sono solo alcuni dei tesori poco conosciuti che si trovano a due passi da Roma, destinazioni ottimali per una giornata fuori porta. Per scoprirli, l’Associazione Civita, con il sostegno della Camera di Commercio di Roma ed il patrocinio della Provincia, lancia il progetto “Tesori in un palmo di mano. Luoghi da scoprire lungo le Vie Consolari romane”. Dodici itinerari di visita lungo 13 vie consolari - Flaminia, Cassia, Claudia Braccianese, Aurelia, Portuense, Severiana, Ardeatina, Appia, Latina, Prenestina, Tiburtina, Nomentana, Salaria - per conoscere più di 180 “tesori”: beni archeologici, antiche abbazie, centri abitati, straordinari paesaggi. Il progetto, che verrà presentato domani giovedì 12 maggio presso la sede della Camera di Commercio di Roma, ha portato alla realizzazione del volume “Tesori lungo le Vie Consolari romane. Storia, arte e paesaggio nella Provincia di Roma”, del sito web “Tesori intorno a Roma” , in italiano, inglese e tedesco, e dell’applicazione iPhone “Tesori in un palmo di mano”.(Al. Se.)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy