Le citta' fantasma d'Italia/ 7 La Sicilia

L'isola ricca di storia è una meta imperdibile. Visitando i paesi abbandonati in terra siciliana ne conosceremo la storia e la natura. Da Gibellina a Salaparuta, Rampinzeri e Sataninfa per citare alcuni borghi del passato

WhatsApp Share

La Sicilia è una terra ricchissima di piccole realtà rurali e cittadine abbandonate. Ne ricordiamo alcune famose per la storia ricca di accadimenti. Gioiosa Guardia è un piccolo borgo abbandonato nel 1783, per un ennesimo terremoto. Fondata da Vinciguerra d’Aragona, durante il regno di Federico III d’Aragona, si trova sul monte Meliuso. Si narra che la città avesse facoltà di edificare torri e fortezze ovunque lo ritenesse opportuno, proprio per difendere il territorio dalle invasioni dei pirati.

 

Continuando il viaggio incontriamo Poggioreale, Gibellina e Salaparuta. Abbandonati successivamente al terremoto del Belice durante il ’68, ruderi e ferrovia costituiscono un itinerario affascinante di 20 chilometri. Partendo da Poggioreale si può far tappa alla vecchia baraccopoli di Rampinzeri o di Santaninfa per poi arrivare a Gibellina dove si può chiedere ospitalità al gruppo scout. Alla scoperta delle città fantasma si unisce così l’opportunità di fare trekking in zone meravigliose dal punto di vista architettonico e paesaggistico.

(Vincenzo Nizza)