Le prove che abbiamo dovuto affrontare per arrivare fin qui

Nuove evidenze dimostrano che gli esseri umani sono sopravvissuti a una massiccia eruzione vulcanica 74.000 anni fa

WhatsApp Share

25 Marzo 2018

In uno studio recentemente pubblicato, gli scienziati hanno raccontato di aver trovato delle nuove prove riguardano la storia dei gruppi di umani che sopravvissero alla massiccia eruzione vulcanica nella caldera di Toba, un supervulcano di Sumatra, circa 74.000 anni fa. 

Poiché, dopo l'esplosione, la fauna selvatica interna, le piante e i funghi hanno avuto conseguenze maggiori di quelle della costa, è possibile che le comunità umane si siano spostate lì per sopravvivere all'inverno vulcanico decennale e sopportare i secoli di effetti che la massiccia eruzione vulcanica ha provocato.

L'eruzione di Toba è stata così potente che i frammenti di tefra, ovvero i detriti di roccia che vengono esplosi da un evento vulcanico, riuscirono a raggiungere il Sudafrica, a più di 9.000 Km dalla caldera di Toba; ed è proprio su questi frammenti che si è concentrato questo nuovo studio, poiché essi, conservando un registro della composizione chimica della lava scoppiata durante l'eruzione, hanno fornito nuove informazioni sulla natura dell'evento.

Così i ricercatori hanno potuto osservare in che modo l'eruzione di Toba abbia avuto un tale impatto globale da far spostare le comunità verso le aree costiere meno colpite dall'eruzione – una flessibilità e un'attenzione che forse le comunità moderne non sarebbero così leste e dinamiche da avere. Questo ha di certo a che fare con la resilienza delle economie di quei gruppi umani, capaci di superare questo evento traumatico con delle azioni che dovrebbero farci riflettere.
È così che si sopravvive e ci si migliora: cambiando, ripartendo, non lasciandosi abbattere.