Uno scivolo sospeso a più di trecento metri di altezza

Uno scivolo folle, totalmente in vetro, è il progetto per concedere un'esperienza al limite sulla torre più alta di Los Angeles

WhatsApp Share

Uno Skyslide, uno scivolo in mezzo al cielo: è questo il progetto dell'Overseas Union Enterprise (OUE), la catena di alberghi con sede a Singapore che ha da poco svelato il suo piano di aggiungere un incredibile scivolo in vetro sul lato della US Bank Tower di Los Angeles – un grattacielo di 73 piani, che è anche la torre più alta ad ovest del Mississippi. 

Progettato da M. Ludvik & Co, questo scivolo sarà lungo 13 metri e verrà aggiunto al di fuori del perimetro del palazzo, a un'altezza spaventosa di più di 300 metri: percorrerlo vorrà dire poter godere della vista emozionante che attraversa lo spazio che va dalla San Fernando Valley fino a Santa Catalina Island.

L'emozionante Skyslide è l'ultima aggiunta al rifacimento della US Bank Tower che prevede un costo totale di più di 45 milioni di Euro ed è guidato dal nuovo proprietario del grattacielo, la società OUE, che ha acquistato l'edificio nel 2013. 

Lo scivolo sarà la punta di diamante dello Skyspace di Los Angeles, la parte più accattivante della ristrutturazione che si estende su quattro piani e offre una piattaforma di osservazione open-air, con il design firmato da Gensler, che non solo sarà la più alta della California, ma vanterà anche una vista panoramica a 360 gradi di Los Angeles. Come se non bastasse, lo Skyslide, realizzato in vetro trasparente con uno spessore di 1,25 pollici, porterà i visitatori dal 70° piano al 69°. Nel progetto, c'è anche un restyling della hall, che verrà rivestita in vetro e vanterà la più grande parete di arte digitale ad alta risoluzione della nazione. 

L'apertura dello Skyspace di Los Angeles è prevista per il mese di giugno 2016 e per salirci il costo sarà di 25 dollari (poco meno di 23 Euro). I biglietti saranno in pre-vendita al pubblico da venerdì 18 marzo.

A Mumbai hanno costruito un grattacielo con in container, un esempio di architettura del riciclo.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy