Cos'hanno in comune lo zucchero e la cocaina?

Secondo uno studio, zucchero e cocaina alterano il cervello in modo molto simile

WhatsApp Share

Lo zucchero fa male. Non solo. Gli scienziati hanno da poco affermato che il suo impatto sul cervello è simile a quello delle droghe pesanti, come la cocaina. Ma se la dipendenza da cocaina è nota a tutti, quella da zucchero viene spesso sottovalutata.

L'assunzione di grosse quantità di zucchero porta obesità, diabete, malattie cardiache, malattie renali e problemi della salute orale, può accelerare l'invecchiamento e provoca l'acne.

Un team di scienziati australiani, della Queensland University of Technology (QUT), ha recentemente dichiarato che la disintossicazione da zucchero può produrre sintomi di astinenza, nel cervello, non diversi da quelli osservati nei consumatori di droga. Il team ha spiegato che lo zucchero aumenta i livelli di dopamina nel cervello, come molti altri farmaci, ma, a lungo andare provoca un crollo della dopamina.

"Abbiamo anche scoperto che oltre a un maggiore rischio di aumento di peso, gli animali che mantengono un elevato consumo di zucchero e abbuffate nell'età adulta possono anche affrontare conseguenze neurologiche e psichiatriche che influenzano l'umore e la motivazione", ha scritto il team.

Analogamente alle droghe pesanti, i tossicodipendenti hanno bisogno di aumentare l'assunzione di zuccheri per ottenere gli stessi "livelli di ricompensa" ed evitare l'inevitabile crollo dello zucchero, con conseguente depressione.

La dipendenza da zucchero, quindi, non è qualcosa di psicologico, ma un vero fenomeno biochimico, che può aprire la strada ad altre dipendenze. Come ha riferito lo scrittore di Natural News Russel Davis nel 2017, uno studio condotto da esperti dell'università canadese di Guelph ha "dimostrato che l'assunzione eccessiva di zucchero può rendere le persone più sensibili all'abuso di droghe. "