Il cappotto termico per migliorare l'efficienza energetica della nostra casa

Isolare la casa e migliorare l'efficienza energetica del nostro appartamento: ecco come mettere il cappotto termico alla nostra abitazione

WhatsApp Share

 

Contenere i  consumi energetici attraverso nuovi sistemi ad isolamento termico è, in tempi di crisi, sempre più necessario. Uno dei rimedi principali utilizzati per ridurre le dispersioni di energia e migliorare le efficienza sulla casa è il cappotto termico, che mantiene gli edifici freschi in estate e caldi in inverno. Questo intervento che effettua l’isolamento termico dall’esterno dell’involucro edilizio consente anche di evitare effetti di condensa e formazione di muffe.

Per 'mettere' il cappotto termico alla nostra casa è necessario far eseguire un calcolo adeguato sulle caratteristiche termiche da raggiungere, per contenere sia i costi d’intervento che quelli di esercizio da cui scaturirà la nuova classe energetica dell’edificio.

Quindi è importante valutare, prima di eseguire un cappotto termico, il grado di resistenza dell’intonaco sottostante ispezionando accuratamente le superfici da trattare ed avendo cura di riparare le parti deteriorate con materiali adeguati capaci di garantire una buona base di ancoraggio dei pannelli isolanti.

È infine necessario provvedere alla pulitura delle superfici soprattutto per quei rivestimenti integri, ma caratterizzati dalla presenza di patine di sporco superficiali di varia natura, per rendere la superficie trattata, una volta asciugata, idonea a ricevere le parti adesive per l’incollaggio dei pannelli.

gc